X Utilizziamo i cookie per essere sicuri di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni clicca qui.
Logo Regione Lazio

Notizie dal Comune

28/05/2020

NUOVA IMU 2020

Nuova IMU 2020. Avviso

COMUNE DI BOLSENA

NUOVA I.M.U. ANNO 2020

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO – FUNZIONARIO RESPONSABILE DEI TRIBUTI

Vista la L. 160 del 27.12.2019

Richiamata la deliberazione di C.C.n. 7 del 30.03.2019 “Conferma aliquote IMU anno 2019”;

Richiamata la deliberazione del C.C. n. 8 del 30.03.2019 “Conferma aliquote TASI anno 2019”

RENDE NOTO

Che l’Imposta Unica Comunale (IUC) in vigore per gli anni 2014-2019 è stata abrogata dalla L.160/2019 (Legge di Stabilità per l’anno 2020) e sostituita dalla “nuova IMU” abrogando anche la componente TASI che non è più dovuta per l’anno 2020.

La L.160/2019 prevede che l’acconto IMU 2020, versamento da effettuare entro il 16.06.2020, venga pagato con un importo pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e/o TASI per l'anno 2019. Il saldo IMU 2020, versamento da effettuare entro il 16.12.2020, dovrà essere conteggiato effettuando il conguaglio fra quanto già pagato a giugno e quanto è dovuto per l’intero anno 2020 applicando le Nuove Aliquote IMU 2020 che il Comune andrà deliberando.

Si fa presente che la Legge 160/2019 ha abolito ogni esenzione, ai fini IMU, precedentemente prevista per i cittadini AIRE pensionati, i quali per il 2020 dovranno effettuare i versamenti IMU sugli immobili posseduti, applicando l’aliquota ordinaria.

I codici tributo da utilizzare sono gli stessi previsti per l’IMU degli anni precedenti. Per l'IMU relativa ai fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita (srt.1, comma751 L.160/2019) è istituito il nuovo codice tributo "3939" denominato "IMU - imposta municipale prorpia per i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita- Comune"

Non usare i codici tributo TASI

L’art.177 del D.L.34/19.05.2020 prevede l’esenzione della prima rata IMU/2020 per i seguenti immobili:

a- Immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonchè immobili degli stabilimenti termali;

b- Immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate,

I soggetti interessati che vogliono avvalersi dell’esenzione, prevista dal DL 34/2020, devono presentare apposita DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’, specificando la categoria catastale, gli identificativi catastali, l’uso a cui gli immobili sono destinati, dati anagrafici e fiscali del proprietario, dati anagrafici e fiscali del gestore, con indicazione di recapiti telefonici o e-mail, da presentare entro il 31.12.2020 all’indirizzo e-mail: postacertificata@pec.comune.bolsena.vt.it

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Si ricorda che il versamento dovrà essere effettuato a nome del soggetto passivo, quindi non costituiscono adempimento all’obbligazione tributaria e sono soggette a sanzione, le fattispecie in cui il versamento non riporti le esatte generalità del soggetto passivo (contribuente tenuto all’adempimento)

I versamenti dell’imposta dovuta devono essere eseguiti utilizzando il modello di delega F24, compilando la sezione relativa agli enti locali, con indicazione del codice identificativo del Comune di Bolsena corrispondente a A949, oppure tramite altre modalità compatibili con le disposizioni in ambito di Agenda digitale (AGID) che saranno in futuro previste e disciplinate (bollettino di CCP, Pago PA) ,

L’imposta non deve essere versata qualora essa sia inferiore ad euro 10,00 (versamento minimo). Tale importo si intende riferito all’imposta complessivamente dovuta per l’anno e non alle singole rate di acconto e di saldo.

I versamenti devono essere effettuati con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimo, ovvero per eccesso se superiore a tale importo.

Per gli enti non commerciali il versamento è effettuato in tre rate, come da regolamentazione legislativa.

Dall'estero si consiglia di pagare mediante bonifico bancario: IBAN - IT 39 S 06220 72910 000012000001 - SWIFT/BIC: BPBAITR1 - CAUSALE: Acconto IMU 2020

Pagamento in ritardo – Ravvedimento Operoso

In caso di omesso, parziale o ritardato pagamento dell’IMU il contribuente può regolarizzare la propria posizione avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso, disciplinato dall’art. 13 del D. Lgs. n. 472/97 e successive modificazioni, con le modalità indicate dal Regolamento delle Entrate approvato con deliberazione del C.C.n. 7 del 14.04.2020

Dichiarazione I.M.U.

Il modello di dichiarazione, da presentare entro il 30.06.2020 per l’anno d’imposta 2019, è stato approvato con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 30.10.2012 e può essere scaricato dal sito del comune www.comune.bolsena.vt.it (sotto la voce modulistica- tributi) o presso il sito del Ministero www.finanze.gov.it.

Modalità di presentazione

La dichiarazione, unitamente agli eventuali modelli aggiuntivi, deve essere consegnata direttamente al protocollo dell’Ente nel cui territorio sono ubicati gli immobili, il quale deve rilasciarne apposita ricevuta, oppure può essere spedita in busta chiusa, a mezzo del servizio postale, mediante raccomandata senza ricevuta di ritorno, all’Ufficio Tributi del Comune, riportando sulla busta la dicitura “Dichiarazione IMU “ con l’indicazione dell’anno di riferimento. Alternativamente può essere inviata al seguente indirizzo di posta certificata: postacertificata@pec.comune.bolsena.vt.it La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è consegnata all’ufficio postale.

La dichiarazione, salvo le fattispecie escluse dall’obbligo dichiarativo, deve essere presentata entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta e ha effetto anche per gli anni successivi a condizione che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.

Gli enti non commerciali presentano la dichiarazione esclusivamente in via telematica, secondo le modalità approvate con apposito decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 26.06.2014.

In quali casi il soggetto passivo è obbligato alla presentazione

La dichiarazione I.M.U., deve essere presentata in tutti i casi in cui il Comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria.

Deve essere presentata in tutti i casi in cui si voglia usufruire delle riduzioni e/o esenzioni previste dalla legge.

NOTA BENE:

IL MODELLO PER LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' è possibile reperirlo seguendo il percorso: documenti on line-modulistica-gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali.

I CODICI TRIBUTO IMU 2020 - A/E Risoluzione n. 29/E del 29.05.2020 è reperibile seguendo il percorso: documenti on line-avvisi e bandi-gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali.

Il PROGRAMMA DI CALCOLO PER IMU 2020 sarà aggiornato quando saranno approvate le nuove aliquote IMU 2020

F.TO Il FUNZIONARIO RESPONSABILE DEI TRIBUTI Dott.ssa Maria Antonella Menichetti

Pubblicato il 28/05/2020 in Avvisi

Condividi su:


ALTRE NEWS



Logo Cassa di Rismarmio di Orvieto

Note legali | Privacy policy e cookie | Dichiarazione di accessibilità | Sviluppato da InfoMyweb.com